domenica 27 settembre 2015

Discesa agli inferi

Il lavoro su di se comporta una scelta di Vita che porterà, se seguita, ad una trasformazione prima interiore e poi, di conseguenza, esteriore. Tutto ciò che noi facciamo per crescere interiormente avrà effetti in automatico anche nel nostro mondo quotidiano.

Ma prima di poterci evolvere occorrerà fare i conti coi nostri demoni e, per far ciò, bisognerà discendere agli inferi allo scopo di affrontarli faccia a faccia in uno scontro senza esclusione di colpi. Ognuno di noi viene tormentato da uno o più demoni. Per demoni, qui, intendo non solo quelli che si vedono nei film horror ma, in generale, tutte le nostre paure che ci zavorrano e non ci consentono di arrivare dove vorremmo.
(Immagine presa dal web)

Come dicevo prima, bisogna affrontare i propri demoni se davvero si vuole evolvere, altrimenti sarà un lavoro di presa in giro di se più che un lavoro su di se! Perchè discendere agli inferi? A che scopo discendere invece di ascendere? Se vi siete posti queste domande, la risposta risiede nel fatto che PRIMA DI POTER ASCENDERE BISOGNA DISCENDERE.

Solo discendendo e affrontando i propri demoni, infatti, potremo liberarci da tutti quei pesi che, fino ad oggi, non ci hanno consentito di salire un granchè verso l'alto. I demoni, infatti, ci zavorrano, ci trattengono nel nostro lavoro di ascesa. Proprio come in un girone dantesco (nessuno meglio di Dante ha mai rappresentato il percorso iniziatico), i demoni ci tratterranno per le caviglie per farci rimanere con loro per l'eternità.

(Immagine presa dal web)
Dopotutto i demoni fanno il loro lavoro che è quello di mantenerci fermi dove siamo o, al massimo, farci andare indietro, MAI avanti, non ne hanno nessun interesse perchè perderebbero il nutrimento.

I demoni si nutrono delle nostre emozioni negative e le alimentano per crescere dentro di noi e rinchiuderci per sempre con loro nei gironi infernali della nostra mente. Più proviamo paura, rabbia, odio, risentimento, desiderio di vendetta, gelosia, invidia, più i nostri demoni ci tengono in pugno.
(Immagine presa dal web)

Il lavoro di discesa agli inferi, si sa, non è gradito a nessuno per il dispendio energetico che comporta e per le sorti incerte della battaglia. SOLO CHI E' PRONTO AD ASCENDERE PUO' DISCENDERE. Molte persone sono perse negli inferi delle loro paure e, possibilmente, ci rimarranno fino alla loro morte fisica.

Non è semplice guardare in faccia le proprie paure ed, in generale, i propri demoni interiori, senza correre il rischio di perdersi per sempre. A quel punto nessuna ascesa sarebbe più possibile! Con ciò non bisogna lasciarsi bloccare dalle paure, altrimenti la partita sarà persa ancor prima di cominciare!
(Immagine presa dal web)

Solo discendendo agli inferi, ed entrando nelle fiamme dei gironi infernali, potremo purificare la nostra mente, ciò grazie alle fiamme della consapevolezza che altro scopo non hanno se non quello di farci ascendere verso l'alto, risorgendo dalle ceneri delle nostre paure come una sorta di Araba Fenice. 

Vincenzo Bilotta

domenica 13 settembre 2015

Cos'è la libertà

     "Un'idea può rendere schiavo l'uomo libero, un'altra idea, invece, può rendere libero l'uomo schiavo". (Vincenzo Bilotta, L'arte della consapevolezza)

Quella di libertà è un idea soggettiva e relativa. Essa, infatti varia da paese a paese e dipende dalle culture, usi, costumi nonchè dai sistemi politici in atto. Spesso, quando si parla di libertà, mi viene chiesto: "Ma se viviamo in una democrazia e c'è libertà di stampa, di culto e di libera iniziativa, perchè parlare di libertà se essa è implicita nel sistema?".

(Immagine presa dal web)
Questo tipo di domanda apre spazio ad argomentazioni delle quali si potrebbe parlare per giorni, ognuno col suo punto di vista personalissimo, ognuno con le sue argomentazioni. Intanto, in un sistema come il nostro con un governo non eletto dal popolo e un sistema mediatico manipolato dall'alto dove l'iniziativa del singolo è disincentivata da un sistema di tassazione repressivo, non parlerei di democrazia. Ad ogni modo, non spetta a me parlare di politica, io mi occupo soltanto di lavoro su di se ed evoluzione spirituale.

Premesso ciò, vorrei esprimere a proposito della libertà, la mia opinione personale. Essendo un'opinione personale, sarà diversa dalle opinioni comuni della massa abituata ormai a pensare con un unico cervello collettivo da pecora. Ciò lo trovo giusto e naturale. Il bello, del resto, sta proprio nella diversità! Anzi, se ci fosse più gente che non si adeguerebbe alle opinioni della massa, si vivrebbe da UOMINI e non da pecore.
(Immagine presa dal web)

Non basta vivere in un sistema democratico per essere liberi. La vera libertà nasce da noi, è dentro di noi, ciò fin dalla nostra nascita. Quando parlo di libertà mi riferisco non alle libertà che si danno per scontate in un sistema democratico. Non è con la libertà di parola o di stampa che un uomo può definirsi libero e completo.

Almeno non un uomo che lavori su di se. Chi è nel cammino di ricerca, infatti, sa bene che non bastano le libertà garantite da uno stato democratico per definirsi persone libere. Ciò perchè queste sono libertà esterne, legate ad eventi che non dipendono dal singolo individuo ma da eventi frutto di decisioni legate a contingenze politiche e a decisioni prese e volute dall'alto.
(Immagine presa dal web)

Chi lavora su di se sa benissimo che, per essere una persona libera, per diventare una persona DAVVERO libera, dovrà lavorare su di se, eliminando gli strati accumulati attraverso il processo educativo-programmatico.

La libertà è già dentro di noi. Questa libertà, NESSUNO potrà portarcela MAI via. Basta riscoprirla, riconoscerla, RICORDARSI di essere nati liberi. Ormai la maggior parte delle persone vive in una prigione senza sbarre, formata dalle proprie convinzioni limitanti sulla Vita, sulle persone, su di se e sulle proprie potenzialità. In altre parole, viviamo credendo di essere ciò che ci hanno insegnato a credere da piccoli attraverso un'educazione volta a creare degli zombie destinati ad alimentare il sistema.
(Immagine presa dal web)

Ricordo che molto tempo fa possedevo un canarino. Egli era nato e cresciuto in cattività. Di conseguenza lo tenevo in una gabbia, pur avendolo abituato ad uscirne con una certa frequenza. Un giorno, stanco di vederlo rinchiuso, decisi di liberarlo. Feci ciò aprendo la gabbia e posando il canarino sul pavimento del balcone. L'indomani mattina lo trovai per come lo avevo lasciato! Esso era vicino la gabbia e non aveva nemmeno accennato a volar via!

Noi siamo così. Se ci facessero notare che siamo creature libere, probabilmente molti di noi cercherebbero subito altri tipi di dipendenza simili alla scienza, religione o, in generale, a qualcosa che possa dar loro un punto di riferimento. CI HANNO INSEGNATO E VIVERE DA SCHIAVI MA NOI SIAMO, FIN DALLA NASCITA, PERSONE LIBERE E MOLTO, MOLTO POTENTI.

Non abbiate paura, quindi, a sperimentare la vostra libertà personale, liberandovi dalle zavorre ereditate dal passato e, in generale, da un processo educativo-programmatico. Non dimenticate in ogni caso che, una volta aperta la gabbia, dovrete cominciare ad esercitarvi nel volo, essendo le vostre ali da troppo tempo fuori esercizio, essendo state ingabbiate all'interno delle sbarre delle vostre stesse convinzioni limitanti.

Vincenzo Bilotta